Come far passare gli acufeni

Home/Le malattie dell’orecchio/Come far passare gli acufeni

A Ravenna il Centro Polispecialistico per le malattie dell’udito

 Il Poliambulatorio Specialistico Privato Olympus di Ravenna inaugura un nuovo settore di attività, in affiancamento al già noto Servizio di Otorinolaringoiatria, dedicato esclusivamente alle malattie dell’orecchio.

Lo scopo di un Centro di riferimento per la terapia degli acufeni è quello di fornire qualificata consulenza specialistica al paziente affetto da fischi e ronzii auricolari, troppo spesso lasciato a sé stesso con il falso messaggio che il suo problema non abbia una soluzione. Ogni malattia, così gli acufeni, può esser correttamente trattata solo se correttamente inquadrata dal punto di vista diagnostico.

Il Centro mette a disposizione dei propri clienti la competenza specialistica integrata di numerose figure professionali: otorinolaringoiatra, audioprotesista, fisiatra, fisioterapista, agopuntore, dietista, odontoiatra, cardiologo, neurologo, radiologo e laboratorio analisi: ciò per individuare in tempi rapidi le cause degli acufeni, senza liste d’attesa e senza il disagio di specialisti impossibilitati a comunicare fra loro. La stessa equipe medica, coordinata dal dottorValieri, predispone infine un protocollo terapeutico personalizzato d’avanguardia, che tenga conto di tutti i più recenti progressi della ricerca internazionale.

Presso il Centro il paziente si sentirà seguito passo passo e condotto gradualmente alla soluzione del problema.

Le moderne scelte terapeutiche per i cosiddetti “fischi e ronzii dell’orecchio” proposte dal dottor Valieri  forniscono apprezzabile miglioramento del fastidio e possono esser utilizzate da sole e in associazione fra loro, comprendendo:

□   Nuove Terapie farmacologiche secondo protocollo personalizzato, mirato alla reale causa del problema

□   Laserterapia

□   TRT (Tinnitus Retraing Therapy)

□   Speciali Dispositivi Acustici Digitali

□   Agopuntura

□   Elettrostimolazione

□   Tecniche di rilassamento e biofeedback

□   Arricchimento sonoro

Per praticità si è soliti distinguere fra acufeni soggettivi (generati e percepiti dall’orecchio del paziente) ed acufeni oggettivi (l’orecchio del paziente “ascolta” il suono prodotto da un organo vicino).

Le principali cause degli acufeni oggettivi sono: le disfunzioni del naso e della Tuba di Eustachio, le disfunzioni vascolari  (aterosclerosi del distretto carotideo, tumori vascolari dell’orecchio ed altre), l’alterata contrattilità dei muscoli del palato, i rumori dell’articolazione temporo-mandibolare.

Le principali cause degli acufeni soggettivi sono invece: qualsiasi forma di ipoacusia (perdite di udito), l’assunzione di farmaci tossici per l’apparato uditivo, l’esposizione a rumore ambientale, i tumori del nervo acustico.

Per capire la causa dell’acufene e scegliere un’efficace terapia è pertanto necessario un protocollo diagnostico razionale che preveda:

1.   Visita specialistica otorinolaringoiatrica corredata di: esame audiometrico, esame impedenzometrico, test di funzionalità della tuba di Eustachio,videoendoscopia delle alte vie respiratorie, esame otoneurologico di funzionalità vestibolare, studio dei potenziali evocati uditivi (opzionale), risonanza magnetica nucleare dell’encefalo (opzionale)

2.   Identificazione e terapia dei fattori di rischio concomitanti: iperglicemia (diabete), patologia del colesterolo e/o dei trigliceridi, alterati livelli ematici dello zinco, ipertensione arteriosa, patologie del cuore, patologia della circolazione carotidea e vertebrale

3.   Identificazione e terapia di malattie di organi “vicini” all’orecchio: malattie dell’articolazione temporo-mandibolare, malattie del collo (artrosi cervicale ed altre), patologie neurologiche (disturbi d’ansia ed altre)