Adenoidi ingrossate: operazione senza rischi

COSA SONO LE ADENOIDI?
Le adenoidi sono una tonsilla situata nella parte posteriore del naso, al confine fra il naso e la gola.
Le adenoidi producono anticorpi in grande quantità, ma di scarsa qualità; questo meccanismo è alla base di un eccessivo ingrossamento delle adenoidi, tipico del bambino.

ipertrofia adenoidi

QUALI SONO LE COMPLICANZE DELL’IPERTROFIA DELLE ADENOIDI?
Le adenoidi ingrossate si collocano in uno spazio ristretto, il rinofaringe. La riduzione dello spazio respiratorio nel rinofaringe del bambino comporta gravi complicanze sulla crescita, con ritardi nello sviluppo fisico ed intellettuale del piccolo paziente:
– Russamento
– Apnee ostruttive del sonno
– Otite media
– Sordità
– Frequenti raffreddori
– Sinusite
– Anormalità dello sviluppo dei denti, con correzione obbligata a mezzo apparecchio dentale
– Difetti e ritardo nel linguaggio
– Tosse cronica da gocciolamento retronasale

PERCHE’ E’ IMPORTANTE LA CURA DELL’IPERTROFIA DELLE ADENOIDI?
La cura delle adenoidi ingrossate, prima che si instauri il quadro di adenoidite cronica, è fondamentale per consentire al bambino uno sviluppo fisico e cognitivo nella norma.
L’adenoidite cronica richiede sempre terapia chirurgica, quando presenti in varia misura le complicanze già citate.
Le adenoidi tendono a scomparire spontaneamente dai 7 anni.

COME SI FA LA DIAGNOSI DI INFIAMMAZIONE DELLE ADENOIDI?
La diagnosi corretta di ipertrofia delle adenoidi può essere fatta solo dallo specialista otorino.
Il pediatra non possiede gli strumenti per determinare con certezza la presenza e la gravità delle adenoidi; molto spesso la diagnosi presuntiva di adenoidi comporta terapia presuntiva con assunzione di farmaci inefficaci quanto dannosi per il bambino.
L’ipertrofia delle adenoidi può essere evidenziata solo ed esclusivamente con la video fibroscopia, esame ambulatoriale veloce, indolore, preciso e documentale (ai genitori del bambino viene rilasciata documentazione fotografica e in filmati dell’ipertrofia delle adenoidi, elemento utile per seguire gli eventuali benefici delle cure eseguite).
Quando la conformazione delle presunte adenoidi è irregolare o persiste un eccessivo volume oltre l’età dell’infanzia, è indicata una biopsia per escludere malattie oncologiche (carcinoma, linfoma, leucemia).
Le allergie respiratorie possono aggravare l’ipertrofia delle adenoidi: è pertanto indicato uno studio delle allergie (pollini, acari della polvere ed altri) con skin prick test per inalanti.
Un esame indiretto di valutazione del grado di ipertrofia delle adenoidi è la timpanometria dell’orecchio: una pressione troppo bassa nel timpano presuppone sordità del bambino, per presenza di catarro nelle vie uditive.
Quando vi sia il sospetto di apnee ostruttive del sonno è raccomanadato il monitoraggio della respirazione notturna mediante polisonnografia digitale domiciliare (il bambino dorme con un piccolo computer che registra il flusso d’aria ed altri importanti parametri vitali).

QUALI FARMACI SI USANO NELLA CURA DELLE ADENOIDI?
I farmaci nella terapia delle adenoidi sono efficaci nella prevenzione delle complicanze; risultano palliativi e gravati da effetti collaterali quando le complicanze siano già presenti o siano state sottovalutate. Fra i farmaci più usati nella cura delle adenoidi:
– Antibiotici (p.e. Augmentin, Zimox, Panacef, Cefixoral, Zitromax)
– Cortisone (p.e. Bentelan)
– Aerosol (p.e. Clenil, Fluibron)
– Antistaminici (p.e. Tinset)
– Immunostimolanti (p.e. Broncho Vaxom, Broncho Munal)
– Lavaggi nasali
– Gocce auricolari (p.e. Anauran)
– Cure termali

ESISTE UN INTERVENTO DI ADENOIDECTOMIA NON INVASIVO?
La rimozione delle adenoidi con tecnologia Coblator è la nuova frontiera della chirurgia pediatrica in otorinolaringoiatria.
La risonanza quantica molecolare di ultima generazione permette di evitare sanguinamento del tessuto da rimuovere, assenza di dolore nel dopo intervento ed una guarigione veloce.
Con la precisa visione delle ottiche endoscopiche il chirurgo otorino inserisce una sottilissima sonda che dal naso raggiunge il rinofaringe, dove il calore sviluppato dalle onde quantiche provoca vaporizzazione delle adenoidi. Tutto questo senza tagli di bisturi ed in pochi minuti.
L’intervento di adenoidectomia Coblator è eseguibile in sedazione cosciente senza anestesia generale.
Non vengono applicati tamponi nasali ed il rischio di emorragie del dopo intervento è trascurabile.
Con l’intervento di adenoidectomia Coblation i risultati sono definitivi e si evita l’assunzione di farmaci inutili quanto dannosi.

La tecnologia a risonanza quantica molecolare Coblator: adenoidectomia endoscopica senza anestesia generale.

La tecnologia a risonanza quantica molecolare Coblator: adenoidectomia endoscopica senza anestesia generale.